Stati Uniti: bufera di neve, paralizzata East Coast

Stati Uniti: bufera di neve, paralizza East Coast.
L'ondata di maltempo coinvolgerà 85 milioni di americani.10 morti, dichiarato lo stato di emergenza

Una tempesta di neve ha paralizzato la costa orientale degli Stati Uniti: Intere città piegate dal maltempo, alle prese con una tempesta che durerà almeno 36 ore e lascerà tra i 30 e i 70 centimetri di neve con venti fino a 96 chilometri all’ora. Più di 50 milioni di persone in più di una dozzina di Stati sono state allertate e il consiglio è quello di stare a casa. Centinaia le chiamate alla polizia per il panico e gli incidenti. È stato dichiarato lo stato di emergenza in dieci stati (Georgia, Tennessee, Pennsylvania, Maryland, Kentucky, Nord Carolina, New Jersey, New York, Virginia e West Virginia). La neve cade senza interruzioni e, secondo le previsioni non finirà presto.  La capitale della nazione, Washington, potrebbe rimanere bloccata con un record di 76 cm di neve. La tormenta colpirà anche la Grande Mela. Il sindaco, Bill de Blasio, ha chiesto ai cittadini di New York di rimanere in casa durante il fine-settimana. L’America si è svegliata sommersa dalla neve e ci sono già delle vittime. Almeno nove persone sono rimaste uccise, a causa degli incidenti stradali in North Carolina, Virginia, Kentucky e Tennessee. I servizi di trasporto sono stati cancellati, e le case sono isolate. Più di 7.000 voli, previsti per venerdì e sabato, sono stati cancellati. I supermercati hanno terminato le scorte di cibo già con i primi fiocchi di neve di venerdì. Il sistema nevoso colpisce una fascia enorme del paese, dal sud dell’Arkansas al nord-est del Massachusetts. L’hashtag del momento su Twitter è #Snowmaggedon2016. 

Vota la news:
[Total: 1 Average: 5]

Be the first to comment on "Stati Uniti: bufera di neve, paralizzata East Coast"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*