Sequestro beni alla mafia, imprenditori Virga sotto accusa

mafia

Maxi sequestro di beni del valore di un miliardo e 600 mila euro a Palermo nei confronti degli imprenditori Virga: erano vicini alla mafia

Si è concluso oggi, a Palermo, un sequestro di beni fra i più ingenti di sempre. La DIA ha infatti sequestrato ben per il valore di 1,6 miliardi di euro agli imprenditori Virga, titolari della Virga S.r.l azienda operante nel settore del calcestruzzo.
L’accusa è quella di avere ottenuto vantaggi dalla mafia nell’ambito delle gare d’appalto. La Virga SRL, con sede a Palermo in via Giacomo Cusmano, era diretta da Carmelo e Gaetano Virga, originari di Marineo. All’interno dell’azienda anche i fratelli Vincenzo, Anna, Francesco e Rosa.
mafia
Gaetano Virga, ora sotto accusa, si era negli ultimi anni rivolto all’associazione AddioPizzo per denunciare le intimidazioni ricevute dal boss della mafia di Misilmeri Stefano Polizzi, reo – stando alle dichiarazioni del Virga – di aver richiesto il pizzo con esplicite minacce nei confronti dei suoi figli.

I Virga, da semplici braccianti di Marineo negli anni 80, erano divenuti ben presto una realtà imprenditoriale fra le più importanti in Sicilia. Le indagini della DIA hanno fatto luce su questa improvvisa prosperità economica, definendo la fitta rete di legami con Cosa Nostra.

Vota la news:
[Total: 1 Average: 3]

About the Author

Gioacchino Pellegrino
Appassionato di sport, economia e politica.

Be the first to comment on "Sequestro beni alla mafia, imprenditori Virga sotto accusa"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*