Regno Unito apre alla manipolazione di embrioni umani, per un’eugenetica di consumo

embrioni umani

Il Regno Unito approva la manipolazione degli embrioni umani, adesso è il primo paese dell’Europa a permettere la discussa ricerca

Il Regno Unito ha finalmente dato il via libera agli scienziati di modificare i geni di embrioni umani. Una linea molto sottile che divide non solo l’opinione pubblica, ma anche lo stesso mondo della scienza e della medicina sul concetto stesso di etica.
La decisione è stata presa da parte della Human Fertility and Embryology Authority (HFEA), che regola gli scienziati in materi di fertilità,  facendo del Regno Unito il primo paese d’Europa a permettere questo tale di ricerca.

Tramite un comunicato diramato lunedì, l’ente ha risposto favorevolmente una domanda di ricerca da parte di un team guidato dallo scienziato Kathy Niakan, presso il Francis Crick Institute di Londra, che ha come tema la modifica del DNA degli embrioni donati, come parte di una loro indagine sugli aborti spontanei.
L’azione è controversa perché si tratta in poche parole di alterare il DNA “germinale” che viene ereditato dall’essere umano.
Tutti gli embrioni utilizzati però dovranno essere distrutti dopo due settimane e sarà illegale impiantarli in un utero.
Ma i critici dicono che il HFEA ha ignorato gli avvertimenti, ha agito troppo in fretta, e ha messo gli scienziati sulla strada che un giorno li porterà verso la creazione di organismi geneticamente modificati, delle sorte di “bambini su misura“.

Manipolazione degli embrioni: voci pro e contro

Il dottor David King, direttore del  Genetics Alert Human, ha dichiarato: “Questa ricerca permetterà agli scienziati di affinare le tecniche per la creazione di bambini geneticamente modificati, e molti dei consulenti scientifici del governo britannico hanno già deciso che sono favorevoli ad acconsentirlo. Questo è il primo passo di un processo ben mappato che porta ai bambini di GM, e a un futuro di eugenetica di consumo. Questo è il primo passo di un percorso che gli scienziati hanno accuratamente tracciato verso la legalizzazione di bambini (geneticamente modificati)“,
Anche Anne Scanlan, dall’organizzazione Life, a favore della vita, ha detto: “La HFEA ora ha la reputazione di essere il primo regolatore al mondo ad approvare questa tecnologia incerta e pericolosa. Essa ha ignorato gli avvertimenti di oltre un centinaio di scienziati in tutto il mondo e ha dato il permesso ad una procedura che potrebbe avere dannose implicazioni di vasta portata per gli esseri umani. Siamo preoccupati che tale intervento controverso nella linea germinale umana possa aprire la possibilità, molto reale, di un’eugenetica in cui l’esistenza di esseri umani diventa subordinata al possesso di determinate caratteristiche fisiche.
Paul Nurse, direttore del Francis Crick Institute, ha detto la ricerca del dottor Niakan potrebbe “migliorare la nostra comprensione dei tassi di successo della fecondazione in vitro, cercando al più le prime fasi dello sviluppo umano.”

L’anno scorso, i ricercatori cinesi hanno fatto i primi passi verso la modifica dei geni di embrioni umani. Il loro esperimento di laboratorio non ha funzionato, ma ha sollevato la prospettiva di alterare i geni per riparare i geni delle future generazioni.
Gli scienziati dicono che tali tecniche potrebbero portare a trattamenti utili per le condizioni ereditarie come la distrofia muscolare e l’HIV.

Vota la news:
[Total: 1 Average: 5]

About the Author

Antonino Maniscalco
Sono appassionato di cucina vegana, mi piace molto il cinema d'essai, ma guardo con curiosità anche alle nuove provenienti da Hollywood. Mi interesso ai fatti quotidiani, mi piace scrivere vicende che spaziano dalla cronaca nera alla rosa.

Be the first to comment on "Regno Unito apre alla manipolazione di embrioni umani, per un’eugenetica di consumo"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*