Morta Shira Banki, la ragazza aggredita al Gay Pride

By | 2 agosto 2015

Shira Banki è morta. La sedicenne era stata aggredita al Gay Pride di Gerusalemme da Yishai Schlissel, con una coltellata

Non c’è la fatta Shira Banki, la giovane di 16 anni che lo scorso giovedì era stata pugnalata, insieme ad altre 5 persone, durante la marcia del Gay pride di Gerusalemme.
L’attentatore è un ebreo ortodosso non nuovo a questo genere di azioni, il cui nome è Yishai Schlissel. L’uomo era stato scarcerato appena un mese prima, dopo che nel 2005 era stato arrestato sempre per lo stesso motivo: aggressione a mano armata durante il gay pride.
shira banki
Schlissel avrebbe dovuto scontare 20 anni di carcere, ma la pena a suo tempo venne ridotta a 10.
il premier israeliano Benyamin Netanyahu ha espresso indignazione per l’atto criminale, che mina la sicurezza dei valori su cui la società israeliana è fondata.

Schlissel non ha manifestato alcuna forma di pentimento in tribunale, da lui non riconosciuto, e neppure alla notizia della morte di Shira Banki è apparso pentito.

Vota la news:
[Total: 1 Average: 4]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *