La Via Lattea e la sua espansione vista dall’interno verso l’esterno

via lattea

La Via Lattea mostrata in una nuova veste, dove le età delle stelle vengono indagate al dettaglio

Gli scienziati hanno realizzato un grafico di crescita cosmica della Via Lattea, si tratta di una rappresentazione innovativa, ottenuta tramite la fusione di dati raccolti dallo Sloan Digital Sky Survey e da una nuova tecnica per determinare l’età dei corpi celesti.
Come previsto, l’analisi mostra che il disco centrale della Via Lattea, formatasi dall’interno verso l’esterno, present le stelle giganti rosse, vecchie circa 13 miliardi anni, verso il centro e le stelle più giovani, circa 1 miliardo di anni, più vicine ai margini esterni. Come ha spiegato l’astronoma Melissa Ness, dell‘Istituto Max Planck per l’Astronomia di Heidelberg in Germania, ai giornalisti in occasione del convegno dell’American Astronomical Society a Kissimmee, in Florida.

Ciò che siamo in grado di fare … è capire come nostra galassia si è formata nel dettaglio, guardando la dispersione delle età, il gradiente delle età, come l’età cambiano in funzione sia l’altezza dal piano (del disco) e il raggio “, ha detto Melissa Ness.” E’ la comprensione dei dettagli di questa formazione inside-out che è ora possibile.”
Unica è la tecnica di aggiornamento dell’età, che si basa sulle dimensioni di una stella. Melissa Ness e colleghi hanno usato gli spettri ad alta qualità di Sloan, che rivela la chimica di una stella, con i dati ottici raccolti dal telescopio spaziale Kepler della NASA, per sviluppare un modello che può essere utilizzato per individuare l’età di una stella.
Questo è un po rivoluzionario perché si è ritenuto che le età fossero molto difficili da ottenere, soprattutto dagli spettri stellari. Sono importanti, ma sono difficili“, ha detto l’astronoma tedesca.
via lattea
La chiave era un rapporto appena scoperto tra l’età di una stella e il suo apporto di carbone-a-azoto, le concentrazioni dei quali può essere rintracciate analizzando gli spettri di una stella.
Le stelle più vecchie, le giganti rosse hanno i più alti rapporti carbonio-azoto e le stelle più giovani il più basso.
Lavorando su un campione di 2000 stelle, gli scienziati hanno studiato come i rapporti cambiano in base alla massa di una stella. Hanno poi inseriti i risultati in un modello fatto al computer e li hanno utilizzati per calcolare le masse e le età di tutti le 70.000 stelle gigante rosse osservate in APOGEE (Apache Point Observatory Galaxy Evolution Experiment).
Ci auguriamo che ci saranno molti studi a seguire,” Ness ha detto a Discovery News. “Abbiamo appena stabilito il catalogo dell’età noi stessi.”
Infatti restano ancora molte altre stelle da catalogare e da datare, la Via Lattea contiene infatti miliardi di corpi celesti e l’operazione di calcolo diventa lunga anche per un computer.

Vota la news:
[Total: 1 Average: 4]

About the Author

Antonino Maniscalco
Sono appassionato di cucina vegana, mi piace molto il cinema d'essai, ma guardo con curiosità anche alle nuove provenienti da Hollywood. Mi interesso ai fatti quotidiani, mi piace scrivere vicende che spaziano dalla cronaca nera alla rosa.

Be the first to comment on "La Via Lattea e la sua espansione vista dall’interno verso l’esterno"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*