Il latte materno sarà utile a comporre antibiotici contro i super-batteri

latte-materno-antibiotico

Antibiotico sviluppato dal latte materno potrebbe combattere alcuni batteri resistenti ai farmaci

Il nuovo antibiotico, sviluppato a partire dalla semplice base del latte materno, servirà a combattere i super-batteri, una classe di batteri resistenti ai normali antibiotici. Una commissione istituita da David Cameron, primo ministro del Regno Unito, prevede che i super-batteri potrebbero arrivare a costare circa 700 miliardi di sterline all’anno entro il 2050, se il problema non verrà risolto nel giro di brevi anni.
Il National Physical Laboratory (NPL) in collaborazione con l’University College di Londra, ha scoperto una particolare proteina, più piccola di un nanometro,che possiede eccezionali proprietà anti-microbiche.
La proteina, chiamata lattoferrina, che si trova nel latte materno, uccide efficacemente i batteri, funghi e persino virus non appena entra in contatto con essi. E’ questo ciò che rende il latte materno così importante nel proteggere i bambini da malattie nei loro primi mesi di vita.
Dopo aver identificato il frammento, gli scienziati lo hanno riprogettato all’interno di una capsula simile a virus in grado di riconoscere e indirizzare batteri specifici e danneggiarli a contatto, ma senza modificare le cellule umane circostanti.

Il team, che ha raggiunto gli eccezionali risultato, ha spiegato che questa caratteristica potrebbe rivelarsi molto utile nell’aiutare la lotta contro la resistenza agli antibiotici, servendo come “veicoli di consegna” per le cure. Le capsule possono anche aprire la strada a trattamenti per le malattie precedentemente classificate come incurabili, come ad esempio l’anemia falciforme, la fibrosi cistica o la distrofia muscolare di Duchenne.

In un’intervista rilasciata al Times, Dame Sally Davies, il direttore medico capo per l’Inghilterra, ha detto molto di più doveva essere fatto dai governi e dagli esperti per affrontare il problema degli antibiotici. “Abbiamo bisogno di una media di 10 nuovi antibiotici ogni decennio. Se gli altri non funzionano, non è qualcosa che possiamo risolvere da soli “, ha detto. “Questo è un problema globale. Sono ottimista su questo. La scienza è violabile. E’ fattibile. ” Anche Colin Garner, professore onorario di farmacologia presso l’Università di York e capo della charity Antibiotic Research UK, ha detto che la situazione era troppo urgente per aspettare consenso internazionale. “Il rubinetto di nuovi farmaci si era prosciugata e il problema era sul punto di diventare ingestibile“, ha detto al Times.
“Il mio cuore affonda quando sento il termine ‘iniziativa globale’. Quanto tempo ci è voluto prima che il mondo a giungesse a una sorta di compromesso sui cambiamenti climatici?”, ha detto. “Il problema della resistenza agli antibiotici sarà alla fine ingestibile, perché ogni nazione ha una visione diversa di ciò che viene richiesto.”

Vota la news:
[Total: 1 Average: 5]

About the Author

Antonino Maniscalco
Sono appassionato di cucina vegana, mi piace molto il cinema d'essai, ma guardo con curiosità anche alle nuove provenienti da Hollywood. Mi interesso ai fatti quotidiani, mi piace scrivere vicende che spaziano dalla cronaca nera alla rosa.

Be the first to comment on "Il latte materno sarà utile a comporre antibiotici contro i super-batteri"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*