DNA di leopardo bianco trovato in un farmaco cinese in Australia

leopardo delle nevi

DNA di leopardo bianco, una rara specie ormai in via di estinzione, è stato rintracciato all’interno di un farmaco cinese venduto in Australia

Una serie di test effettuati in laboratorio su alcune pillole cinesi, acquistate nel 2012 ad Adelaide, ha svelato che contenevano DNA di leopardo delle nevi – e forse tigre – entrambe le specie sono elencate nella Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione.

Il farmaco, conosciuto come con il nome ‘Jian Bu Qiang Shen Wan‘, elencato anche dalla Therapeutic Goods Administration, è utilizzato per alleviare il dolore da artrite, ed è commercializzato come una normale medicina a base di erbe.
Gli ingredienti elencati sono spesso molto diverso da ciò che è dentro“, spiega il professor Roger Byard, dalla scuola di medicina dell’Adelaide University, aggiungendo che circa il 13 per cento delle medicine tradizionali cinesi contengono varie specie animali. Inoltre non vi è alcuna prova che il leopardo delle nevi, originario delle montagne dell’Asia centromeridionale, abbia alcun effetto sull’artrite. “Si poteva mangiare un leopardo delle nevi dal naso alla coda e avere ancora dolori alle articolazioni,” ha detto il medico australiano.
Ci sono meno di 7000 leopardi delle nevi attualmente allo stato brado, il che ne fa una specie a grave rischio di estinzione.
Il DNA è stato identificato per caso durante uno studio di tossicologia, in cui i ricercatori di Adelaide e di Murdoch stavano controllando le sostituzioni utilizzate nella medicina cinese.
Il professor Byard ha detto che la scoperta del DNA del leopardo delle nevi è stato uno shock e che campioni sono stati nuovamente testati più volte per essere certi.
I risultati hanno inoltre rivelato ingredienti derivati ​​da cani, gatti e topi, tuttavia questi avrebbero potuto essere presenti per caso, a causa della contaminazione degli animali domestici.
I leopardi delle nevi, tuttavia, sono così rari che crediamo che siano stati deliberatamente aggiunti.”

Chi lo sa che altro c’è là fuori“, ha detto esprimendo la sua preoccupazione, il professor Byard. “C’è un lato oscuro alla medicina tradizionale che la gente non vuole riconoscere.
In un articolo pubblicato questo mese sulla rivista Forensic Science Medicine e Pathology, il professor Byard ha avvertito che la medicina cinese è stato spesso trascurato come alimentatrice illegale del commercio della fauna selvatica in via di estinzione, mentre tale commercio in altre zone del pianeta è più attenzionato dalla comunità internazionale.
Benché resti un’opinione ancora molto diffusa,  non vi è certezza circa l’efficacia di molti prodotti di origine animale nel trattamento di specifiche malattie umane. Nonostante ciò, ad esempio, il corno di rinoceronte viene venduto anche a 50 mila dollari al chilo in quanto si ritiene sia in grado di ‘curare’ l’AIDS, mentre gli scheletri delle scimmie sono usati per trattare il dolore in generale; gusci di tartaruga d’acqua sono usati per trattare il cancro; e la bile dell’orso della luna è utilizzato per il trattamento di malattie digestive.

Vota la news:
[Total: 2 Average: 5]

About the Author

Giuseppe Zito
Mi occupo di giornalismo informatico ormai da qualche anno, ho alle spalle esperienze con siti come www.zz7.it di cui sono stato il co-creatore, e www.controcopertina.it. Mi piace scrivere news di ogni genere, non disdegnando alcun argomento, mi esaltano maggiorimente i fatti di politica e società.

Be the first to comment on "DNA di leopardo bianco trovato in un farmaco cinese in Australia"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*