Basse dosi di aspirina possono ridurre il rischio di cancro

aspirina

Un team di esperti della School of Medicine dell’università di Cardiff ha detto che ha trovato che le persone con tumori del colon, del seno o della prostata possono avere migliori probabilità di sopravvivenza se usano basse dosi di aspirina. Il team parla di una “riduzione significativa” della mortalità e della diffusione del cancro.

Il professor Peter Elwood, che ha guidato lo studio, ha spiegato: “Vi è un crescente numero di prove che l’assunzione di aspirina comporti un beneficio significativo nel ridurre alcuni tipi di cancro. E mentre sappiamo che una bassa dose di aspirina si è dimostrata capace di ridurre l’incidenza di cancro, il suo ruolo nel trattamento del cancro rimane incerto. Di conseguenza abbiamo deciso di condurre una ricerca sistematica su tutta la letteratura scientifica.
Gli scienziati hanno esaminato tutti i dati disponibili, tra cui cinque studi randomizzati e 42 osservazioni di cancro al colon-retto, al seno e alla prostata.
Il professor Elwood ha aggiunto: “La nostra revisione, sulla base delle prove disponibili, suggerisce che basse dosi di aspirina assunte da pazienti con cancro al colon, al seno o alla prostata, in aggiunta ad altri trattamenti, sono associate ad una riduzione dei decessi del circa 15-20 per cento, insieme ad una riduzione della diffusione del cancro“.

Tuttavia, gli esperti hanno tenuto a sottolineare che lo studio non prova che l’aspirina aiuti a curare i tumori.
I loro risultati, pubblicati il ​​20 aprile sulla rivista PLoS ONE, si basano principalmente sui cosiddetti studi osservazionali. Ciò significa che i ricercatori hanno monitorato i risultati dei pazienti affetti da cancro che si trovavano ad utilizzare basse dosi di aspirina e quelli che non lo facevano.
Ci potrebbero essere molte differenze tra i due gruppi di pazienti“, ha detto Eric Jacobs, un ricercatore dell’American Cancer Society, che non è stato coinvolto nello studio. Per esempio, l’esperto ha spiegato, la gente a volte dovrebbe evitare l’aspirina quando sottoposto a chemioterapia e che le prospettive per i pazienti con i farmaci da chemio potrebbero differire da quella degli altri pazienti.
Gli studi hanno cercato di tenere conto delle differenze tra gli utenti che assumono aspirina e quelli che non lo fanno, ma i ricercatori non possono mai soppesare tutte le variabili.
Così gli studi clinici in cui i pazienti sono stati scelti in modo casuale per ricevere un trattamento o no, sono considerati la prova più forte. E ci sono le prove in corso per testare gli effetti dell’utilizzo di aspirina durante il trattamento del cancro, secondo Jacobs.
Abbiamo bisogno di attendere i risultati di tali prove,” ha concluso.

Vota la news:
[Total: 2 Average: 4.5]

About the Author

Giovanni Conti
Sono Giovanni Conti, un 28 enne appassionato di scienza e tecnologia con una laurea in ingegneria gestionale, nutro da sempre la passione per il giornalismo informativo riguardante tutte le innovazioni scientifiche e tecnologiche, che puntano ad un miglioramento della qualità della vita e più in generale all'ampliamento dello scibile umano.