Monthly Archives: marzo 2015

Realtà Aumentata: sviluppi e futuro di una promettente tecnologia

La tecnologia è un ambito in continuo sviluppo: tutti gli anni possiamo assistere alla nascita di nuovi strumenti che, gradualmente, vanno a inserirsi nella nostra vita di tutti i giorni.

Due sono i grandi temi che sembrano farla per la maggiore in questi ultimi anni, anche a giudicare dai consistenti investimenti di aziende leader nel settore come Google, Facebook e Microsoft: la Realtà Aumentata e la Realtà Virtuale.

Accantonando per un momento la seconda, sulla quale sembra esservi una maggiore consapevolezza (complici gli enormi passi avanti fatti da questa tecnologia nell’ambito del gaming), concentriamo la nostra attenzione sui vantaggi e sulle peculiarità sostanziali della Realtà Aumentata. Cos’è la Realtà Aumentata e quali benefici potrà portare nel rapporto tra noi e la nostra quotidianità?

La Realtà Aumentata, nota anche con l’espressione anglofona Augmented Reality (AR), è una tecnologia che arricchisce la nostra percezione sensoriale, grazie all’inserimento di informazioni nuove e non visibili tramite l’osservazione diretta. Questa tecnologia, che si avvale di strumenti quali occhiali multimediali trasparenti o di appositi device, rende insomma possibile un’interessante mediazione tra reale e virtuale. I potenziali ambiti di applicazione, come si può immaginare, sono i più disparati: si va dal semplice scopo di intrattenimento a più lungimiranti propositi educativi e sociali.

Tra i più interessanti progetti di Realtà Aumentata vale la pena sicuramente menzionare Microsoft Hololens, gli innovativi occhiali ad alta tecnologia della casa di Redmond in grado di mostrare delle proiezioni olografiche nell’ambiente circostante. Meritano una citazione speciale anche gli SmartEyeglass Attach di Sony, versione riveduta e corretta dei Google Glass che furono, in grado di ‘agganciarsi’ ad un paio di occhiali già esistente e di mostrare informazioni e immagini a chi lo indossa, senza ostruire lo spazio visivo.

Per conoscere gli sviluppi di questi grandi e interessanti progetti e l’effettiva adozione da parte del grande pubblico non resta però altro da fare che aspettare: come di consueto, ai posteri l’ardua sentenza.